Chi siamo

su di noi

Da dove veniamo

Veniamo da background differenti e città differenti (Bologna/Roma) ma ci accomuna la volontà di colmare il gender gap del nostro paese attraverso la redazione di nuove policy e con un linguaggio inclusivo: il femminismo ci ha insegnato a pensare, analizzare e condividere saperi per l’emancipazione dell’intera società.

Scopri la squadra

Giulia Sudano

Presidente

Laureata in Scienze Internazionali e Diplomatiche presso l’Università di Bologna. È stata tutor del corso “Storia ed istituzioni dei paesi del Mediterraneo” presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Bologna. Ha collaborato con: Radio Città del Capo, “Abjad” – Radio Radicale, Medarabnews e Arab Media Report. Dopo aver conseguito un Master in Comunicazione, raccolta fondi e campaigning, lavora dal 2013 a Bologna presso la Fondazione OPIMM Onlus di Bologna come referente Sviluppo e comunicazione.

È stata fondatrice e presidente dal 2010 al 2017 dell’Associazione Candidamente che promuove la cittadinanza attiva a Bologna. Dal 2017 al 2020, è stata presidente dell’Associazione Orlando che ha ideato e gestisce il Centro delle Donne in convenzione con il Comune di Bologna. A fine 2020 è fra le fondatrici di Period Think Tank. Partecipa come attivista a numerose reti locali e nazionali per combattere le disuguaglianze di genere.

Isabella Borrelli

Vice Presidente

(she/they) Digital strategist per Latte Creative e attivista femminista intersezionale e LGBT+ collabora con istituzioni, grandi organizzazioni e campagne grassroots.

Specializzata in advocacy e movimento di opinione è assistente di cattedra e cultrice della materia per  “Gender Politics” all’Università LUISS Guido Carli, specializzandosi in Queer Theories. Docente in digital media per Talent Garden di Roma, insegna anche all’Università degli studi di Padova. Speaker ispirazionale femminista intersezionale e LGBT+ ha avuto la fortuna di salire sui palchi del TEDx, degli Stati Generali Italiani dell’Inclusione, CampusParty, IGF Youth sostenuto e promosso dall’ONU tra gli altri.

Per Ladynomics è una delle 140 femministe italiane del 2019, per Startup Italia una delle 1000 donne che stanno cambiando l’Italia (2019, 2020).

Valentina Bazzarin

co-fondatrice

Ricercatrice indipendente, docente, formatrice e consulente etico per diverse imprese, fondazioni, enti non governativi, associazioni e pubbliche amministrazioni.

Nel suo curriculum compaiono esperienze accademiche e professionali a livello internazionale. È dottore di ricerca in Psicologia Generale e Clinica e specializzata in processi cognitivi e sistemi ecologici. Ha approfondito il tema dell’etica dei dati e dei dati di genere oltre ad approfondire il ruolo dei processi cognitivi e della conoscenza aperta (pubblicazioni aperte, educazione aperta, dati aperti) nel definire il perimetro dell’etica pubblica e nel diritto alla città, soprattutto nell’ecosistema delle città intelligenti. Nella sua attività come consulente, invece, si occupa principalmente di disegnare processi efficaci e inclusivi per la riduzione delle disuguaglianze e per il miglioramento della comunicazione pubblica e sociale.

Leda Guidi

co-fondatrice

Professoressa a contratto in “Teoria e tecniche della Comunicazione pubblica” all’Alma Mater – Unibo. Cofounder della Rete Civica Iperbole, fino al 2015 dirigente dell’Agenda Digitale del Comune di Bologna. Svolge attività giornalistica, formativa, consulenziale e di progettazione europea. Relatrice a seminari e conferenze su partecipazione on line e uso pubblico/comunitario delle ICT al MIT MEDIALAB, all’OECD, all’IPTS, in altre sedi della Commissione europea e in diversi contesti accademici, NGO, fondazioni e enti di ricerca internazionali. Pubblicazioni e papers su comunicazione pubblica, new media, open-gov, internet per l’inclusione, l’innovazione sociale e il community networking. Presidente dell’Associazione italiana per la Comunicazione Pubblica e Istituzionale e membro del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Innovazione Urbana di Bologna. Membro esperto dell’Associazione francese “Villes Internet”Temi di approfondimento: le ICT per comunità intelligenti e gender balanced, dati di genere,  diritti e beni comuni digitali.

Arda Lelo

co-fondatrice

Architetta, docente di storia dell’architettura e project manager culturale.

Consegue tre lauree in architettura presso l’Università degli Studi di Roma “Sapienza” specializzandosi in restauro e concentrando le sue ricerche sullo studio del patrimonio architettonico contemporaneo e sul dibattito architettonico pubblicato sulle riviste di architettura tra il 1920 e il 1960.

Dal 2016 è docente di storia dell’architettura e dell’arredamento presso l’Accademia delle Arti e Nuove Tecnologie di Roma e dal 2018, dopo un Master in Management delle Risorse Artistiche e Culturali presso la IULM, si occupa di progettazione culturale a livello locale ed europeo per il Terzo Settore con esperienze che spaziano dall’analisi dei pubblici all’accessibilità nelle istituzioni culturali, dalla valorizzazione delle aree interne agli studi sulle trasformazioni urbane delle grandi città nel ‘900 fino ai temi del recupero e della rigenerazione del patrimonio architettonico e archeologico meno noto alla collettività.

Stefania Minghini Azzarello

co-fondatrice

Dopo essersi laureata in Studi internazionali presso l’Università degli Studi di Firenze, ha conseguito un master di ricerca in Gender Studies presso l’Università di Utrecht (Olanda). E’ attivista femminista e LGBTQI* da quando ha creato la prima lista di candidate donne alla rappresentanza studentesca nel suo liceo bergamasco a 16 anni. E da lì non si è mai più fermata. Ha attraversato l’Europa per portare la pratica femminista nei luoghi di cultura e politica sessisti. Sperimenta con molteplici linguaggi, reti, luoghi spaziando tra politica, arte e ricerca. Temi favoriti: diritti delle donne, lavoro e precarietà, queerness ed erotismo. Ha lavorato come project manager nell’ambito della comunicazione e della progettazione culturale per agenzie, organizzazioni no-profit e enti pubblici in Italia, Spagna, Olanda e Slovenia. Negli ultimi anni si sta specializzando nella comunicazione politica, collaborando anche alla realizzazione di campagne elettorali. Attualmente ricopre il ruolo di press officer e communication strategist per la Vicepresidenza dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna.

Elvira Oliva

co-fondatrice

Dopo la laurea in Scienze Internazionali e diplomatiche all’Università di Bologna e qualche tappa tra la Spagna e la Russia, si è spostata tra Bruxelles, Roma e Bologna occupandosi di relazioni istituzionali e seguendo principalmente le tematiche energetico-ambientali. Come attivista prima e professionista poi si è occupata di policy making, politiche pubbliche e analisi politica

La passione per la politica l’ha portata a qualche pit-stop per coordinare la realizzazione di campagne elettorali per candidatə di diversi livelli istituzionali dove ha tentato di portare i temi femministi, con qualche successo e qualche lezione, assecondando l’inclinazione coltivata sin dal liceo campano di cimentarsi con esperienze del terzo tipo. 

Appassionata del progetto europeo le capita di aggirarsi per le scuole a diffondere il verbo delle madri fondatrici, con la stessa passione ha iniziato ad occuparsi delle diverse dimensioni del “decennio digitale europeo” dal punto di vista regolatorio e politico-legislativo.